People on a shopping street in Bergamo, Italy

Posted by & filed under Senza categoria.

L’Istat ha pubblicato gli indicatori demografici dell’Italia a fine 2015.

Emergono una serie di indicazioni, molte non entusiasmanti, sullo stato della popolazione del nostro Paese,  in parte sintetizzate in questa infografica. Ma non se ne parla molto sui media …

 

 

Istat

 

  • Aumentano ed aumenteranno le attenzioni per la salute: il 2015 è l’anno record per i decessi.

I decessi nel solo 2015 sono stati 653.000, con il tasso di mortalità più alto registrato dal secondo dopoguerra ad oggi.

Se a questo andiamo a sommare che continua a crescere l’età media dei residenti (siamo a 44,6 anni), che gli over 65 sono arrivati ad essere il 22% della popolazione, che la speranza di vita diminuisce (80,1 anni per gli uomini, 84,7 anni per le donne), è facile comprendere come l’attenzione per la salute sia e sarà sempre maggiore.

  • Cresce l’attenzione verso l’estero: sempre più italiani e stranieri lasciano l’Italia.

Nel 2015, contro solo 28.000 rimpatri di italiani, ben 100.000 italiani si sono trasferiti all’estero, assieme a 45.000 stranieri, complessivamente il triplo rispetto al 2007.

  • Più spazio pro-capite disponibile: diminuiscono i residenti.

Nel 2015 la popolazione residente (italiani e stranieri) si è ridotta di 139.000 unità, assestandosi a 60.600.000: è la prima volta dal 1952 che la popolazione diminuisce. La popolazione di cittadinanza italiana, tra aumento dei decessi, riduzione delle nascite e incremento dell’emigrazione, si riduce a 55,6 milioni.

  • L’Italia non attrae più gli stranieri: in calo l’immigrazione.

Se cresce l’emigrazione, viceversa decresce l’immigrazione.

L’anno scorso l’immigrazione di cittadini stranieri è stata di 245.000 unità, meno della metà rispetto al 2007.

Ma è comunque grazie all’immigrazione di stranieri che la popolazione residente non si è ridotta ancora di più di quanto non sia avvenuto.

  • Sempre meno bebè: nuovo record negativo delle nascite.

Nell’ultimo anno sono nati 488.000 bimbi in Italia, nuovo minimo storico dall’unità d’Italia ad oggi.

Oggi gli under 15 in Italia sono solo meno del 14% della popolazione.

E, rispetto al 2014, diminuiscono sia i nati da madre italiana (meno 9.000) sia da madre straniera (meno 5.000)

 

Lascia un commento